Qualità e manualità: i punti cardine della pescheria Poseidon

In quello che è stato il primo mercato rionale della città, aperto negli anni ‘50, oggi è situata la pescheria Poseidon gestita dai tre amici Renzo, Nicola e Valentina.

Dal 1996 la pescheria si trova in Piazzetta San Francesco, in questo mercato fisso che sembra quasi un chiosco di un campo veneziano, in stile liberty, fontanella compresa. 

Chi fa il pescivendolo sa bene cosa significa essere mattiniere, infatti il negozio è aperto fin dalle prime ore del mattino dopo essersi rifornito al Mercato ittico di Venezia situato nell’isola del Tronchetto, che a sua volta si rifornisce da quello di Chioggia, uno dei mercati all’ingrosso più importanti dell’Adriatico.

Mentre Valentina lavora presso Poseidon da dodici anni, Renzo e Nicola ci sono fin dall’inizio ma i due hanno un background professionale diverso, anche se sempre di pesce si tratta. 

Dal 1980 Renzo ha lavorato in una ditta che si occupava della lavorazione di seppie, folpi e calamari congelati, mentre Nicola proviene dal mondo della contabilità, in particolare tenendo quella della pescheria del cognato, finendo poi dietro al banco di vendita. 

Nicola ci tiene a farci sapere che ciò che contraddistingue la pescheria è sicuramente il pescato fresco allevato in zona o all’estero, rigorosamente il meglio che il mercato ha da offrire ogni giorno coprendo così un banco dall’ampia scelta

Uno dei punti di forza della bottega è la manualità di Renzo nella sfilettatura e pulizia del pesce, facendola sembrare quasi un’operazione chirurgica. 

Questo servizio offerto alla clientela del quartiere serve a mantenere vivo quel rapporto di convivialità che, unito ad un sorriso ed una gentilezza, si trasforma presto in amicizia

Un altro servizio offerto non solo al quartiere, ma a tutti i colleghi che operano nel mondo del pescato, è quello creato da Renzo in quanto presidente dell’Associazione dettaglianti ittici con sede al Mercato ittico di Venezia. È nata per aiutare i membri iscritti a risolvere le eventuali problematiche per esempio quelle riguardanti la tracciabilità dei prodotti, appoggiandosi anche a degli avvocati e figure specializzate per seguire i corsi professionali. 

Se ancora non vi è chiaro di che pasta sono fatti i tre amici, vi lasciamo con questa curiosità che Nicola ha voluto svelarci: sono stati i primissimi ad utilizzare il pos per i pagamenti definendosi una pescheria tecnologica!